Azienda Agricola Feudo dei Gelsi, a Borgo Clotz

L’Azienda Agricola Feudo dei Gelsi si trova in via Sedilis, 41, a Nimis, ed è gestita in completa automia da un ragazzo veneziano, Andrea Rizzo, che si è traferito qui a 25 anni, per amore della terra e dei suoi preziosi frutti.

L’azienda produce Ramandolo, Cabernet e Refosco dal Peduncolo Rosso.

Ecco, brevemente, la sua storia, scritta dal titolare:

Sono arrivato qui grazie ad una di quelle occasioni che nella vita ti sfiorano, distrattamente, mentre pensi ad altro e poi avverti un solletico e la sensazione che, anche se non pare al momento, qualcosa può succedere e se ti lasci agganciare, poi, immediatamente, quasi una scossa ti travolge e ti proietta in un mondo che avevi sognato, troppo bello da credere possibile….

Ed eccomi qua: un’oasi nel bosco, una radura coperta di viti, una vecchia casa resistita alla violenza del terremoto, un paese in lontananza, una montagna che mi guarda le spalle e due alberi, grandi e vecchi alberi che segnano il passaggio del tempo e della seta e che,…padroni di casa ti accolgono all’arrivo: è la loro terra, il loro feudo, il “feudo dei gelsi”.
La terra è buona, l’acqua non manca e sole e vento mi aiutano ad appassire, sia in pianta sia in cassette, ciò che le viti, in poco meno di due ettari, mi offrono per produrre Ramandolo, Cabernet e Refosco dal peduncolo rosso.
La cantina è nuova e permette al vino di crescere e riposare al fresco nelle botti di legno che lo ospitano.
L’azienda si trova fra le colline alle spalle di Nimis e si raggiunge con una suggestiva passeggiata attraverso i boschi che nascondono l’antica fatica di uomini che un tempo lavorarono e coltivarono questi pendii.
Io sono qui a condurre la mia quotidiana sfida contro l’avanzare del bosco.
Se un giorno vi capiterà di passare da queste parti e deciderete di fermarvi, sarete i benvenuti.

Andrea Rizzo, a Borgo Clotz, il  1° maggio, vi aspetta!

Info e contatti: tel. 338-8545629 info@feudodeigelsi.it  http://feudodeigelsi.it

1 commento su “Azienda Agricola Feudo dei Gelsi, a Borgo Clotz”

I commenti sono chiusi.